Dica133 – Contro l’affondamento dell’Università – Dica 133


Dica133 lancia un appello all’accademia e ai cittadini italiani
lunedì 13 ottobre 2008, 20:26
Filed under: Capire il progetto-Gelmini, Documenti / mozioni / appelli, Eventi

Dica 133 (il coordinamento dei ricercatori precari del Polo delle Scienze Sociali di Firenze) ha deciso, a fianco delle altre forme di protesta che si succederanno nelle prossime settimane, di lanciare una lettera-appello per sensibilizzare il mondo dell’università, e tutta la cittadinanza in generale, sugli effetti distruttivi che avranno sull’intera Università italiana le misure contenute nella legge 133. Questa legge contiene pesanti tagli a carico del bilancio delle Università; applica il blocco delle assunzioni a un settore dove il personale è già molto anziano, e che si regge solo grazie a un esercito di precari; infine non introduce nessuna misura di trasparenza o di valutazione della qualità e del merito.

L’appello, dal titolo “Per l’Università: investimenti adeguati e interventi innovativi” mette in evidenza questi errori, ma punta a dare una risposta costruttiva, indicando le direzioni per migliorare l’Università, purtroppo ben diverse da quelle intraprese dal governo.

Le direzioni sono due: da un lato assicurare investimenti adeguati, e favorire il ricambio della classe docente; dall’altro, introdurre da subito alcune semplici misure di trasparenza e di valutazione di qualità a tutti i livelli: gestione dei bilanci degli atenei, carriere dei docenti di tutte le fasce, reclutamento dei nuovi ricercatori.

L’errore di questa legge infatti non è soltanto nell’insensatezza dei tagli, ma soprattutto nell’assenza di qualunque intervento di trasparenza e di riforma. Per questo motivo ci rivolgiamo ai docenti strutturati, che ancora forse non hanno chiaro l’impatto degli interventi; agli studenti, alle loro famiglie, ai professionisti e a tutti i cittadini che hanno a cuore l’università. Invitiamo tutti a sottoscrivere il nostro appello perché il governo inverta la rotta sull’affondamento dell’università italiana.

Clicca qui per leggere e firmare il testo dell’appello

Nota: Per segnalare un’adesione collettiva (coordinamenti, associazioni, Facoltà, ecc.) scrivi a no133fi<at>gmail<punto>com (scusate, ma l’indirizzo non è in chiaro per bloccare spam automatici)

Annunci

11 commenti so far
Lascia un commento

il nostro governo ci vuole tutti ignoranti, è questo il vero obiettivo!

Commento di angela

METTETE L’INDIRIZZO EMAL IN COMODA VERSIONE “PUBLIC”. CHE RAZZA DI UNIVERSITA’ PUBBLICA VOLETE SE REPERIBILI AL PUBBLICO NON SIETE? SCRIVETE L’EMAIL E RENDETELA PUBBLICA VOTANDO PER LA PETIZIONE CONTRO LA 133!

Commento di Adolfo

Rivoluzione, un nuovo ’68 ricontestualizzato & molto + aggressivo. Questo mi auspico

Commento di Bruno

ci vogliono ignoranti…io no!!!

Commento di Francesco Veltroni

complimenti, lo studio di pochi per la dittatura di pochissimi. Che vergogna questo governo!

Commento di Francesco

salve a tutti, ho bisogno di un suggerimento pratico e concreto. faccio parte del polo di novoli occupato in cui abbiamo istituito un gruppo di studio “operativo”; tra le proposte ci sarebbe quella di trovare un punto di contatto con la società civile, con tutte quelle categorie che vedono la protesta contro la 133 lontana, il nostro obiettivo sarebbe andare a spiegar loro che invece potrebbe toccarli davvero da vicino. Sto parlando di assemblee di operai, di casalinghe, di genitori di bambini che frequentano la scuola primaria…credo che intervenendo in queste assemblee (previamente istruiti e aiutati dai preziosi ricercatori che ci stanno dando il loro appoggio)potremmo sensibilizzare altri strati della società e spiegare i motivi della lotta alla 133 e le conseguenze catastrofiche che ne deriveranno. C’è qualcuno che è informato a riguardo? che può suggerirmi delle assemblee di lavoratori nella città di Firenze in cui andare ad intervenire? indirizzi, numeri di telefono? Ogni contributo sarebbe preziosissimo, grazie!

Commento di pulcina

NO ALLA 133!

Commento di Martina

Ma non si vergognano nnk ad uscire di casa?
Qui si sta tornando al nazismo puro…************
Strano…per sè nn si tagliano mai nulla…anzi, si aumentano….! E’ la prima cosa che fanno..!
Leggi ad personam, che schifo!che schifo! che schifo!
Non voterò MAI PIU’!!!! E per chi, poi?
A parte che nn si sa nnk più, sn tutti ugualiii!!!!!!!!!
Ke Italia alla DERIVAAA!!! SIGH E SOB!

Commento di cri

Riceviamo e pubblichiamo in anteprima esclusiva la lettera aperta che il Ministro della Pubblica Distruzione invierà a tutti i bambini italiani in età scolastica.
http://triskeles.wordpress.com/2008/10/18/lettera-aperta-del-ministro-gelmini/

Commento di triskeles

Questo appello è un’ottima proposta..
collaboriamo insieme…studenti,ricercatori,professori..
Vedo dei buoni progressi..continuiamo così..
Saluti

Commento di Simona

meno pensi, meglio governano

Commento di Anna Franca Rinaldelli




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: